Moholt Timber Towers

Moholt - Trondheim (N)
14
Giu

Cinque torri in Norvegia

Gli alloggi per studenti si presentano spesso come edifici mediocri, se non proprio dal punto di vista costruttivo perlomeno da quello architettonico, con semplici unità abitative impilate l’una sull’altra nel modo più economico possibile e lasciate a se stesse senza funzioni di supporto che le valorizzino, come negozi o altre attività terziarie.

Vincitori del concorso indetto nel 2013 dall’organizzazione ‘Studentsamskipnaden i Trondheim’, che gestisce gli alloggi studenteschi e il cui mandato è rendere la vita quotidiana per gli studenti conveniente e facile in modo che possano utilizzare le loro energie per lo studio, gli architetti dello studio MDH Arkitekter di Oslo hanno creato una specie di ‘visione’ per i prossimi 50 anni. Il nome dato all’area, Moholt 50|50, rappresenta un punto di svolta perché 50 anni dopo l’inaugurazione delle prime unità del villaggio studentesco, risalenti agli anni ‘60-’70 del secolo scorso, i progettisti vogliono anticipare oggi di 50 anni il futuro dell’area.

L’idea vincente ha proposto di utilizzare l’ampio parcheggio centrale del già esistente villaggio studentesco per creare un nuovo centro urbano con nuove unità abitative, un asilo, un negozio di alimentari e attività sportive, contribuendo anche a cancellare il confine, invisibile ma presente, tra il villaggio studentesco e l’area residenziale circostante.
Fedele agli ideali dell’organizzazione studentesca, che offre sia spazio privato per esigenze individuali che spazio collettivo per la collaborazione, la responsabilità sociale e la tolleranza, il progetto vincitore ha proposto 5 torri con pianta a Y di 9 piani ciascuna, dove ogni piano è una comunità composta da quindici unità con bagni individuali, e i cui abitanti condividono cucina, sala da pranzo/soggiorno e una sala d’ingresso con il guardaroba.

I piani terra di tutte le residenze offrono diversi tipi di funzioni pubbliche: palestra, parrucchiere, centro medico, lavanderia e un negozio di alimentari. Oltre agli edifici per gli alloggi, tutti ovviamente costruiti in legno con standard energetici vicini a quelli delle case passive, il masterplan contempla un asilo nido e una biblioteca con spazi per attività studentesche.

foto | MDH Arkitekter; Ivan Brodey

⇒ il progetto completo è pubblicato sul numero 31 di legnoarchitettura

Lascia un commento