legnoarchitettura – il modo migliore per conoscere l'architettura in legno

OFFICE OFF

Steinberg-Dörfl (A)
5
Lug

Uffici sostenibili in Austria

Lo studio viennese di architettura heri&salli è il progettista del nuovo edificio per uffici della ditta “FOB – face of buildings”, specializzata in progettazione di facciate, nel Land austriaco del Burgenland.

Pur trattandosi di un luogo di lavoro a tutti gli effetti, fin dall’inizio al concetto di qualità della vita e alla cultura del tempo libero è stata posta grande attenzione durante la progettazione tanto che il significato tradizionale di ‘andare al lavoro’ è passato in secondo piano, a favore della rigenerazione psicofisica dei ca. 25 lavoratori attraverso la creazione di spazi adatti allo scopo. Infatti, accanto alle necessarie sale riunioni e uffici trovano ampio spazio zone di soggiorno e relax, una zona fitness, una piscina esterna (necessaria per questioni di protezione antincendio), persino una parete per fare roccia nella hall d’ingresso alta 3 piani.

Heri&salli volevano dunque creare un luogo in cui il classico rapporto tra lavoro e tempo libero si mescolasse, da cui il nome di “Office Off” all’ibrido di legno. E di ibrido si tratta anche dal punto di vista compositivo – un volume ‘schiacciato e spiegazzato’ da cui fuoriescono dei cubi regolari che si collegano direttamente alla struttura reticolare esterna – nonché strutturale, benché si rimanga per lo più nell’ambito del legno.

Un sistema reticolare esterno molto regolare supporta il volume più interno, realizzato con un telaio in legno massiccio, all’interno del quale trovano posto spazi realizzati con pannelli X-Lam. La parte interrata dell’edificio ospita le stanze del server e gli archivi. Le stanze tecniche e del riscaldamento sono distaccate, così come la zona fitness per i dipendenti, che confina direttamente con la piscina esterna.

In pianta, l’edificio è organizzato attorno a un atrio centrale che contiene i collegamenti verticali; il piano terra accoglie la hall d’entrata e una meeting room, mentre le aree comuni principali e la zona cucina sono collocate a un livello leggermente più elevato. Gli spazi degli uffici si distribuiscono sui due piani superiori mentre l’ultimo piano alloggia due stanzette da letto per il riposo.

Dal punto di vista energetico, l’edificio ha un fabbisogno talmente basso da poter essere definito passivo, grazie all’involucro performante e all’autosufficienza energetica dai pannelli FV che ricoprono i ¾ della superficie del tetto.

foto | © paul-ott

⇒ il progetto completo è pubblicato sul numero 20 di legnoarchitettura

Leave a Reply