legnoarchitettura – il modo migliore per conoscere l'architettura in legno

NATURUM TÅKERN

Glänås (S)
12
Lug

Canne e legno per un centro visite

Negli ultimi anni molte delle riserve naturalistiche più interessanti della Svezia si sono arricchite di centri per visitatori, strutture progettate per intensificare l’esperienza sensoriale nella natura delle persone che fruiscono di queste oasi. Uno di questi centri sorge sulle sponde del lago Tåkern, in mezzo a enormi estensioni di canne palustri e ampie spiagge, e costituisce l’elemento principale di una serie di misure – una torre per il birdwatching, percorsi e passerelle – volte ad esaltare le qualità dell’ambiente lacustre.

L’edificio si inserisce nel paesaggio armonicamente grazie alla sua grande copertura di canne palustri che, senza soluzione di continuità, costituisce anche le pareti della costruzione. Pur sembrando un blocco solido e compatto ritagliato tra le canne, il fabbricato si sviluppa a C a proteggere dal vento una corte che diventa un’ulteriore stanza a cielo aperto. La sagoma raccolta, coadiuvata dalla struttura a telaio in legno ben isolata, consente di ridurre al minimo i consumi energetici.

Quasi a volersi confondere con la natura, il Centro è dotato di poche aperture, che rispondono alla necessità di illuminazione naturale delle aree espositive interne e di godimento della vista dell’ambiente naturale da parte dei visitatori. Un lungo lucernario sostituisce il colmo del tetto (parte critica e vulnerabile di una copertura in canne) illuminando dall’alto l’esposizione, una finestra in asse con l’ingresso richiama il visitatore verso la sala mostre mentre una vetrata sul patio lo accompagna all’esposizione dove un lungo e basso nastro vetrato nell’angolo riporta panoramicamente l’orizzonte e la natura all’interno della sala.

L’intera area del Centro, completata da un fabbricato a uso servizi e da una torre di osservazione degli animali, è interconnessa da un sistema di passerelle che consente l’accesso anche ai portatori di handicap con sedia a rotelle, superando facilmente, grazie a una lunga rampa, il dislivello della torre di birdwatching.

foto | Eson Lindman; Tord-Richard Söderström

⇒ il progetto completo è pubblicato sul numero 12 di legnoarchitettura