legnoarchitettura – il modo migliore per conoscere l'architettura in legno

MASO LAMPELE

Novacella (BZ)
13
Lug

Una casa per tre generazioni

L’elemento ispiratore del progetto di quest’abitazione per una famiglia allargata è stato il paesaggio agricolo circostante la frazione di Novacella, nella Valle Isarco presso Bressanone, caratterizzato da lunghi muri in pietra che accompagnano il pendio e dai quali prende forma l’architettura dell’edificio.

Una particolare riflessione a livello progettuale è stata fatta partendo dalla natura del luogo e dal rapporto che l’edificio avrebbe dovuto avere con essa. Infatti, nonostante la rilevante cubatura dell’intervento, grazie al parziale interramento delle tre unità, il volume si inserisce in modo proporzionato nell’ambiente circostante. Il pendio viene “intagliato” dall’inserimento dell’edificio nella collina, armonizzandosi con essa grazie alla parziale copertura a verde; la parte inferiore è rivestita con le pietre raccolte nella fase di scavo mentre l’inclinazione del rivestimento esterno in legno crea una protezione dall’acqua piovana e, allo stesso tempo, fornisce ombreggiatura nel periodo estivo.

Il posizionamento trasversale dei due corpi lignei rispetto al pendio dà origine a una corte riparata dai venti della valle, che soffiano in direzione nord-sud, e mette in relazione le tre unità abitative. Questa stessa posizione rispetto alla collina ha favorito anche l’illuminazione naturale degli ambienti, con ampie vetrate rivolte verso la valle e che inquadrano, come delle cornici, scorci paesaggistici piuttosto suggestivi.

Per l’aerazione e l’illuminazione dei vani interrati, sono stati realizzati due cavedi con pietre a secco, due ambienti con un effetto a metà tra l’esterno e l’interno. I materiali utilizzati, gli impianti installati nonché i principi di bioclimatica applicati fanno di questa casa un edificio salubre che richiede poca energia, come attestato dalla certificazione CasaClima A Oroplus.

foto | Arnold Ritter – FOCUS Fotodesign

⇒ il progetto completo è pubblicato sul numero 10 di legnoarchitettura

Lascia un commento