legnoarchitettura – il modo migliore per conoscere l'architettura in legno

HAUS GASTEIGER

Brunico (BZ)
8
Mag

UFO-cabin

Un luogo dove fuggire dalla quotidianità, silenzioso e rasserenante e dove condividere la compagnia attorno a un focolare si concretizza in una piccola casa vacanze sulle colline di Brunico, un edificio che sembra fluttuare nello spazio grazie al volume prismatico in legno posto su semplici pilastri di fondazione.

Il progetto nasce nei primi anni ‘70 dalla matita dell’arch. Josef Lackner che disegna una dimora dalle forme e dai concetti spaziali moderni e avanguardisti per l’epoca; con il tempo l’edificio inizia a presentare problemi legati alla mancanza di isolamento e alle infiltrazioni che portano al suo quasi abbandono fino al 2017 quando la famiglia proprietaria decide di recuperarlo e risanarlo rivolgendosi all’arch. Stefan Hitthaler.

Riprendendo e sviluppando le idee dell’architetto di Innsbruck, la casa viene riqualificata puntando su miglior sostenibilità, comfort e vivibilità. All’esterno il prisma è totalmente ricoperto da tavole di larice per una maggiore resistenza e durabilità alle condizioni atmosferiche e per ritrovare un equilibrio nel bosco circostante in cui il volume mediante il terrazzo sembra immergersi rispettando il suo silenzio. Internamente l’ampio spazio condiviso ospita un grande camino, una piccola cucina e due larghi letti in corrispondenza degli angoli acuti; gli ambienti si completano con altre due camere da letto private e una stanza sotterranea per i servizi igienici.

I materiali di finitura sono essenziali, dal larice esterno, che ingrigisce con il tempo e che invecchia assieme alla casa, all’abete e al cemento che caratterizzano, il primo, gli arredi e i pavimenti, il secondo, il camino e tutte le superfici dell’interrato secondo una sequenza fluida e ininterrotta. L’elemento infine che conferisce alla casa il nome UFO è da ricercarsi non solo nella sua forma prismatica, ma anche nella scala di accesso che appare e scompare nella parete laterale, creando un’immagine surreale, come se un oggetto speciale di origine extraterrestre si riposasse in attesa del prossimo viaggio interstellare.

foto | © Harald Wisthaler

⇒ il progetto completo è pubblicato sul numero 35 di legnoarchitettura